COME LA MAREA

di Roberta La Corte

Molto spesso la vita ci mette davanti a situazioni difficili da affrontare e ognuno ha il proprio modo di trovare conforto, supporto e torpore. Io sono una di quelle persone che trova rifugio nel digitare su una tastiera.

‘Come la Marea’ nasce così, per dar sfogo alle mie emozioni e tentare di trovare serenità in un totale momento di sconforto. La scrittura è sempre stata per me l’unico mezzo per poter dire qualcosa per cui le parole non sarebbero bastate.

Ricordo che quando ero piccola, dopo aver fatto arrabbiare mamma e papà, prendevo un foglio e su quel bianco candido riversavo le mie motivazioni e le mie scuse. Quello stesso biglietto, passava sotto le porte chiuse e raggiungeva i destinatari dei miei ‘ma’ e dei miei ‘perché’.

Scrivere mi ha sempre fatto bene al cuore e quando pigiai sulla tastiera, per la prima volta, il titolo ‘Come la Marea’ io percepii di aver trovato un posto nel mondo. Assurdo forse, ma è andata proprio così. La mia storia ha preso forma da sola e, più mi convincevo di riuscire a vivere quelle vicende, più i personaggi prendevano vita sulla mia tastiera.

Ginevra, Tom, Lisa, Riccardo, Elena, Alex e tutti gli altri sono parti indissolubili di me stessa: la mia parte gentile, quella che cerca le frivolezze della vita, la mia parte ombra, quella da consigliera, da giocherellona dispettosa o da burbera e protettiva.

Come la Marea sono io, nonostante la protagonista della storia sia Ginevra, una ragazza che all’età di quindici anni fa i conti con una dura realtà:chi lascia segni sulla pelle e sul cuore non merita affetto. Ginevra tenterà di voltare pagina e conoscerà Alex, un ragazzo dai capelli ricci che prende il suo stesso autobus. Con lui scoprirà l’altra faccia di quel sentimento, chiamato amore. Tuttavia, il passato tornerà a tormentarla e anche il presente le riserverà non pochi dolori.

Ciò che mi è interessato sottolineare, all’interno di ‘Come la Marea’, è che l’amore ha un solo significato: rispetto reciproco. Ho cercato di lanciare un messaggio, quanto più forte possibile: ogni donna o ragazza ha il diritto di essere amata per come merita, sentendo il dolce respiro di un uomo sulla pelle e non le mani pesanti di chi ha il cuore troppo leggero.

Ginevra dovrà crescere troppo in fretta, dovrà fare i conti con un mondo crudele e spietato. Si troverà davanti alla realtà dei fatti: le persone non sempre si mostrano per quelle che sono.
Ognuno di noi, ogni donna ha bisogno di qualcuno che sia un po’ come Alex, qualcuno capace di rimarginare le ferite e di far vivere la vita.

Di amare la vita. Dunque, ‘Come la Marea’ è un invito a denunciare chi vi fa del male, chi vi ferisce e a ricercare la felicità tra le braccia di qualcuno pronto a ricucire i vostri strappi e ad amarvi con quelle cicatrici.

Se volete dare una opportunità al mio romanzo, se questo articolo vi ha incuriosito, vi invito a cercare ‘Come la marea’ (edito Rossini Editore) su Amazon, Santelli Online, Ibs, Mondadori Store, Feltrinelli, Libraccio, Libro Co o Libreria Universitaria. Vi aspetto tra le pagine del mio romanzo e vi ringrazio per avermi dato l’opportunità di mostrare una parte importante di me.