LA SICILIA POTREBBE DIVENTARE COVID-FREE MA Lโ€™ITALIA NON LO CONSENTE

๐—ฃ๐—˜๐—ฅ๐—–๐—›๐—˜’ ๐—œ๐—Ÿ ๐—š๐—ข๐—ฉ๐—˜๐—ฅ๐—ก๐—ข ๐—œ๐—ง๐—”๐—Ÿ๐—œ๐—”๐—ก๐—ข ๐—ก๐—ข๐—ก ๐—›๐—” ๐—–๐—ข๐—ก๐—–๐—˜๐—ฆ๐—ฆ๐—ข ๐—Ÿ๐—” ๐—ญ๐—ข๐—ก๐—” ๐—ฅ๐—ข๐—ฆ๐—ฆ๐—” ๐—”๐—Ÿ๐—Ÿ๐—” ๐—ฆ๐—œ๐—–๐—œ๐—Ÿ๐—œ๐—”

di Fonso Genchi


๐ˆ ๐Ÿ๐š๐ญ๐ญ๐ข:
Il 7 gennaio Musumeci fa sapere che chiederร  l’indomani, su suggerimento del CTS siciliano, l’istituzione in Sicilia per 21 giorni della zona rossa. L’8 gennaio Il governo italiano non la accorda e ‘concede’ solo l’arancione.

๐‚๐จ๐ฌ๐š ๐š๐ฏ๐ซ๐ž๐›๐›๐ž ๐œ๐จ๐ฆ๐ฉ๐จ๐ซ๐ญ๐š๐ญ๐จ ๐ฅ๐š ๐ณ๐จ๐ง๐š ๐ซ๐จ๐ฌ๐ฌ๐š ๐ฉ๐ž๐ซ ๐Ÿ๐Ÿ ๐ ๐ข๐จ๐ซ๐ง๐ข:
Un provvedimento del genere, associato al mantenimento del controllo con test rapidi degli ingressi nell’Isola (provvedimento in scadenza ma giร  prorogato da Musumeci, attualmente fino al 15 gennaio), avrebbe portato all’eradicazione (o quasi) del virus in Sicilia, come dimostrato in altre parti del mondo dove si รจ agito in tale maniera (vedasi soprattutto: Nuova Zelanda, Papua Nuova Guinea, Timor Est, Isole Fiji, Samoa, Tonga, Australia, Cuba, Taiwan – tutte isole come la Sicilia – e la stessa Cina).

๐๐ž๐ซ๐œ๐กรฉ ๐ข๐ฅ ๐ ๐จ๐ฏ๐ž๐ซ๐ง๐จ ๐ข๐ญ๐š๐ฅ๐ข๐š๐ง๐จ ๐ข๐ฆ๐ฉ๐ž๐๐ข๐ฌ๐œ๐ž ๐ฅ’๐š๐ญ๐ญ๐ฎ๐š๐ณ๐ข๐จ๐ง๐ž ๐๐ข ๐ช๐ฎ๐ž๐ฌ๐ญ๐š ๐ฌ๐ญ๐ซ๐š๐ญ๐ž๐ ๐ข๐š:
Al di lร  della ragione ufficiale, che non convince per nulla, ci sono molte “buone” vere ragioni per le quali il governo italiano non vuole una Sicilia covid-free:

1. Se ciรฒ accadesse, si dimostrerebbe che c’รจ un’altra via possibile, un’altra strategia migliore per affrontare l’epidemia nel proprio territorio di quella attuata sinora in Italia. Immaginiamoci cosa potrebbe accadere se tutti gli italiani dovessero constatare che la Sicilia รจ riuscita ad eradicare il virus e che, come in Nuova Zelanda, in Cina, a Taiwan etc. si fa vita sociale e lavorativa normale (tutt’al piรน con le note precauzioni igieniche e l’uso consigliato di mascherine). La credibilitร  di Conte andrebbe sotto zero…

2. A livello economico la Sicilia farebbe un balzo in avanti. Se altre aree del Paese subiscono restrizioni alle attivitร  – restrizioni che, inevitabilmente, si ripercuotono negativamente sull’economia di tali aree – e la Sicilia no, ovviamente la Sicilia ne guadagnerebbe molto, diventerebbe meno povera, facendo saltare gli equilibri su cui si fonda il sistema-Italia. Le lobby industriali del Nord, che hanno giร  dimostrato di avere notevole potere di orientamento della politica, non permetterebbero mai una cosa del genere.

3. Una Sicilia covid-free e, magari contestualmente, la notizia di nuove mutazioni del virus (come quella giร  esistente “sudafricana”) non ‘coperte’ dal vaccino, porterebbe la gente ad avere seri dubbi sull’utilitร  della vaccinazione, col rischio di altro acquisto flop (dopo quello del tamiflu e dei vaccini per la suina) e possibili forti critiche per la scelta compiuta.

Poi, proprio per non escludere nessuna ipotesi, neanche quelle piรน fantasiose, potremmo terminare con un ultimo punto, valido solo per i “complottari” (di cui non facciamo parte ma i cui argomenti – non tutti – meritano di essere presi, almeno un minimo, in considerazione): se davvero si volesse instaurare, come qualcuno sospetta, una “dittatura sanitaria”, cioรจ un regime di restrizioni continue delle libertร  individuali con la scusa della tutela della salute, una Sicilia covid-free rappresenterebbe una dimostrazione tangibile – forse l’unica nel mondo occidentale – che รจ possibile tutelare la salute delle persone senza dover attuare dei provvedimenti restrittivi pressochรฉ permanenti o ciclici. Ciรฒ rappresenterebbe un fatto pericolosissimo per il ‘supposto’ progetto di “dittatura sanitaria”. A non permettere una cosa del genere sarebbero addirittura le potenti elite mondialiste, ideatrici del progetto, nelle cui mani sarebbero anche i governanti italiani. Ma, ripetiamo, questo รจ “cospirazionismo”, seppur degno di essere citato.

In definitiva, per “questo” o per “quello” (o per tutto ciรฒ assieme), il governo italiano non ha voluto accordare la zona rossa alla Sicilia. Questo รจ un dato di fatto. Adesso sarebbe il caso che i siciliani la smettessero di litigare fra loro dividendosi su “minchiate pandemiche” e iniziassero, piuttosto, a prendere coscienza di tutto ciรฒ: esistono strategie, giร  sperimentate altrove con successo, che possono portare a una eradicazione del virus dall’Isola o, comunque, da gran parte del suo territorio. Vogliamo, invece, proseguire ancora per anni con il “grapi e chiuji”?!?

dello stesso autore:

https://360econews.wordpress.com/2020/12/21/il-futuro-nella-lingua-siciliana-lo-trovi-nel-suo-passato/

https://360econews.wordpress.com/2020/10/28/vitamina-d-e-covid-19/

https://360econews.wordpress.com/2018/12/25/sulla-sicilia-feltri-mente-sapendo-di-mentire/

https://360econews.wordpress.com/2019/01/11/il-mistero-della-monna-nina-siciliana/?preview=true

https://360econews.wordpress.com/2020/10/25/trabia-la-patria-della-pasta/?preview=true