Ma lo Stato è anacronistico?

il

di Salvo Fanara

    Una cosa deve essere chiara a tutti perché di vitale importanza, a prescindere dalle ideologie, dalle proprie convinzioni o dai propri valori : chi auspica meno Stato e più privatizzazioni, chi sbeffeggia quotidianamente lo Stato e la sua Sovranità, considerandola pericolosa e anacronistica se non ridicola, o prefigura catastrofiche conseguenze nel caso in cui la Stato ritornasse ad avvalersi di quei requisiti per cui uno Stato esiste, non fa gli interessi di cittadini, famiglie ed imprese.
E se l’Italia oggi è l’ultima ruota del carro in Europa, dopo la Grecia, deve esserne chiaro il motivo: lo Stato da qualche decennio ha smesso di fare lo Stato, delegando per le stesse funzioni altri soggetti non eletti da nessuno, le cui finalità sono in netto contrasto con le esigenze dei cittadini. Sic et Simpliciter.
Senza il potere di Garanzia esercitato dallo Stato, tutti i cittadini, specialmente i più deboli, saranno sempre più abbandonati, indifesi, vittime degli interessi più sporchi e soggetti alla legge del più forte.
In assenza dello Stato Nazionale, governato da persone qualificate, capaci e responsabili, chi lavora onestamente, chi è in cerca di un lavoro e chi cerca di fare impresa, non potrà avere un futuro perché nella jungla il più forte vince, gli altri perdono. Anche la libertà.

Bisogna farsene una ragione.