SI DICE REGIONE SICILIANA E NON REGIONE SICILIA…L’IMPORTANZA DI UNA…NA

il

di Marco Lo Dico

L’Autonomia Speciale per la Sicilia nasce prima della Repubblica Italiana. Quindi la specialità Siciliana è riconosciuta e non concessa.

Il corretto nome dell’ente è “Regione Siciliana”. Ciò non è una questione formale: la Regione è Siciliana (e non Sicilia) così come la Repubblica è Italiana (e non Italia) per un motivo storico preciso e per un preciso rapporto istituzionale che la lega all’Italia. La Regione è Siciliana perché nasce – ancor prima che nascesse la stessa Repubblica Italiana ed ogni altra regione d’Italia – come ente originariamente sovrano e legato all’Italia da un rapporto pattizio e potenzialmente paritetico (lo Statuto di Autonomia). L’ente Regione Siciliana è derivato da una comunità storica e geo-politica che gli preesiste e che trova la propria prima legittimazione nel Popolo Siciliano e nella sua storia, ancora prima che nei decreti dello Stato Italiano. Tutto ciò è molto importante anche perché sta alla base del motivo per cui la Regione Siciliana è dotata di un suo Statuto di Autonomia Speciale.

La Regione Siciliana ha un Presidente e non un Governatore a rappresentare l’istituzione e a garanzia dei contenuti statutari!
Art. 21 dello Statuto:Il Presidente è capo del Governo regionale e rappresenta la Regione.
Egli rappresenta altresì nella Regione il Governo dello Stato, che può tuttavia inviare temporaneamente propri commissari per l’esplicazione di singole funzioni statali.
Col rango di Ministro partecipa al Consiglio dei Ministri con voto deliberativo nelle materie che interessano la Regione.

Alla Regione sono accollati i costi di uno Stato, ma negate le entrate garantite dagli articoli 36-37-38 dello Statuto (legge costituzionale) come accertato dai contenziosi e vinti con sentenza della Corte Costituzionale e resi inefficaci con accordi Renzi/Crocetta. La Corte dei Conti ha dichiarato che l’agenzia delle Entrate si comporta in modo “SLEALE” con la Sicilia.
I furti di miliardi che ogni anno subisce la Regione Siciliana,vengono compensati con piccoli privilegi personali e carriere politiche a livello nazionale…e piccoli appalti, consulenze e piccoli bandi per amici, parenti e clienti.
Chiunque governi questa terra senza affrontare questo nodo, lascerà la Sicilia e i Siciliani sempre a scegliere, se rassegnarsi, adeguarsi, subire o emigrare!
Bisogna chiedersi, come questa pochezza politica locale si traduca in posti chiave a livello nazionale. Presidenza della Repubblica, vice presidenza del Consiglio, ministeri chiave (interni, giustizia, Esteri) per due legislature consecutive la Presidenza della seconda carica dello Stato (senato) sottosegretari all’istruzione, sanità, infrastrutture, presidenti di enti chiave come Enac che ha bocciato tutti i tentativi di creare in Sicilia un hub al centro del mediterraneo (risposta andrebbe in conflitto con Malpensa).
Per non configgere con gli interessi di altri, la Sicilia è condannata alla miseria.

Per regolamentare questo accordo fra pari fu istituita l’Alta Corte un ente “paritetico” costituito da giudici nominati dallo Stato Italiano e membri nominati dalla Regione Siciliana. L’Alta Corte avrebbe dovuto gestire eventuali contenziosi!

I membri di tale Corte, decaddero dalle funzioni, venendo eletti nella Corte Costituzionale, come se in una partita di calcio l’arbitro venisse scelto fra i componenti di una squadra, proprio in stile “piemontese”.
Da allora la fine della nostra Autonomia!

Siamo in attesa, ancora, dopo oltre 70 anni, dei decreti attuativi coerenti con lo spirito originario dello Statuto, minato dalle sentenze della Corte Costituzionale che lo hanno snaturato e depotenziato!

La Sicilia è una terra dove i diritti Costituzionali sono negati! Invito a leggere lo Statuto e verificare quali di questi articoli sono rispettati!

Questo strumento avrebbe fatto della Sicilia la terra più ricca e i Siciliani il popolo in grado di potere godere dell’unicità di questa terra!

In realtà in questa terra si incrociano interessi internazionali che l’hanno resa terra determinante ed appetibile!

Chi nella Storia ha avuto “a disposizione” questa terra ha dominato il mondo!
Per dominarla devi tenerla oppressa!
Chi ha provato a rivendicare i diritti negati non è mai morto di morte naturale!
Questo ed altro per dire che dietro quella piccola differenza si gioca un mondo alle nostre spalle….. Quel semplice …NA, ha un grande valore e noi siciliani dovremmo imparare a darglielo, prima di attribuirci colpe di uno sfascio voluto e non cercato.

Link e fonti consigliate

https://www.ora-siciliana.eu/blog/regione-siciliana/

http://www.regione.sicilia.it/bbccaa/dirbenicult/normativa/NormativaNazionale/STATUTORS.htm