ROSA BALISTRERI LA “VOCE” SICILIANA

NASCE A LICATA ROSA BALISTRERI, LA PIÙ POPOLARE CANTAUTRICE SICILIANA

di Fabio Petrucci

Con le sue canzoni cariche di malinconia, amore per la propria terra e coraggiosa denuncia sociale, Rosa Balistreri può a ben diritto essere definita la voce della Sicilia del novecento.

Nata a Licata il 21 marzo 1927 presso un’umilissima famiglia, all’età di sedici anni Rosa sposò Gioacchino Torregrossa, uomo che in seguito la cantautrice definirà «latru, jucaturi e ‘mbriacuni». Il matrimonio, da cui nacque la figlia Angela, finì quando Rosa, apprendendo che il marito aveva perso al gioco il corredo della figlia, lo colpì con una lima e, credendo di averlo ucciso, si costituì. A causa di questo gesto la futura cantautrice dovette scontare alcuni mesi di carcere.

Al fine di mantenere la figlia ed aiutare la famiglia d’origine, Rosa svolse i mestieri più umili e disparati, fino a quando fu assunta come donna di servizio presso la casa di una famiglia nobile di Palermo. Qui si innamorò del figlio del padrone di casa, rimandendo incinta. Tuttavia, accusata di furto, perse il lavoro e scontò altri mesi di galera. Uscita dal carcere, trovò occupazione come sagrestana e custode della Chiesa di Santa Maria degli Agonizzanti, nel centro storico di Palermo, vivendo in un sottoscala con il fratello invalido. Perso anche questo lavoro per via di gravi problemi con il sacerdote della chiesa, Rosa decise di lasciare Palermo e trasferirsi a Firenze.

Nel capoluogo toscano lavorò dapprima come donna di servizio presso famiglie benestanti e poi aprì un banco di frutta e verdura insieme alla madre e ad altri membri della famiglia giunti da Licata. La sorella Maria, arrivata a Firenze insieme ai figli per sfuggire al marito violento, fu poi uccisa da quest’ultimo. Per il dispiacere il padre di Rosa si suicidò impiccandosi. Le dolorose esperienze familiari ebbero senza dubbio un impatto importante sullo struggente stile della cantautrice.

A inizio anni sessanta Rosa conobbe il pittore fiorentino Manfredi Lombardi, con cui visse per parecchi anni. Risale a quest’epoca l’inizio della carriera pubblica come cantante folk. Dopo aver collaborato con Dario Fo tra il 1966 ed il 1969, Rosa balzò agli onori delle cronache per la mancata partecipazione al Festival di Sanremo del 1973 con il brano “Terra che non senti”, escluso per ragioni politiche. Con questa canzone la Balistreri avrebbe voluto denunciare le drammatiche condizioni della sua terra, la Sicilia.

In quell’occasione dichiarò: «Finora ho cantato nelle piazze, nei teatri, nelle università, ma sempre per poche migliaia di persone. Adesso ho deciso di gridare le mie proteste, le mie accuse, il dolore della mia terra, dei poveri che la abitano, di quelli che l’abbandonano, dei compagni operai, dei braccianti, dei disoccupati, delle donne siciliane che vivono come bestie. Era questo il mio scopo quando ho accettato di cantare a Sanremo. Anche se nessuno mi ha visto in televisione, tutti gli italiani che leggono i giornali sanno chi sono, cosa sono stata, tutti conoscono le mie idee, alcuni compreranno i miei dischi, altri verranno ai miei concerti e sono sicura che rifletteranno su ciò che canto».

Tornata a vivere Palermo nel 1971, collaborò – tra gli altri – con il poeta Ignazio Buttitta, che di lei disse «ogni volta che cercheremo le parole, i suoni sepolti nel profondo della nostra memoria, quando vorremo rileggere una pagina vera della nostra memoria, sarà la voce di Rosa che ritornerà a imporsi con la sua ferma disperazione, la sua tragica dolcezza». Morì a Palermo il 20 settembre 1990, a 63 anni.

dello stesso autore:

https://360econews.wordpress.com/2019/05/02/emanuele-dastorga-genio-musicale-siciliano/

https://360econews.wordpress.com/2018/08/29/per-qualcuno-e-buttanissima-ma-e-per-nascondere-che-e-stata-stuprata/

https://360econews.wordpress.com/2019/04/09/muore-a-barcellona-la-regina-di-sicilia/

#ROSABALISTRERI #MUSICA #FOLK #LICATA #PALERMO #SICILIA #LINGUASICILIANA #MUSIC #SICILY #SICILIANLANGUAGE