Disabili siciliani: diritto studio negato

di Rosa Alba Prestipino

Di cosa parliamo? Della popolazione scolastica, di quei bambini che quest’anno fanno il loro ingresso nell’ambiente scolastico, di quei bambini nati nelle aree a maggior rischio ambientale, di cui “parlano” i grafici riportati di seguito, ma non solo!

Tassi incidenza 2.pngTassi incidenza.png

[Fonte: Registro Regionale Malformazioni (Sistema di Sorveglianza delle Malformazioni Congenite)]

Settembre 2018, inizia la scuola ma non per tutti! Una buona percentuale di bambini siciliani non potrà farlo proprio perché speciali! Una specialità purtroppo in costante aumento, grazie alla visione miope della politica Siciliana prima e Nazionale dopo, che decide in base a priorità economiche o ricatti occupazionali più o meno velati, se mantenere aperte fabbriche inquinanti o incrementare gli inceneritori (magari chiamandoli diversamente) o autorizzare stoccaggi di rifiuti pericolosi, in un’isola ormai ridotta a colonia e quindi incapace di ribellarsi alle prepotenze!

Ma l’incremento dei disabili non sfugge alle statistiche una volta entrati nel mondo della Scuola. A chi opera quotidianamente, ma rifugge la quotidianità, è evidente che qualcosa non torna, qualcosa funziona male e non si fa nulla perché si cambi, nonostante i proclami di cambiamento più o meno efficaci della politica!

Si era in campagna elettorale quando, indistintamente tutte le ideologie politiche, hanno speso belle parole intrise d’amore verso i disabili, organizzato plateali manifestazioni di piazza a favore, manifestato volontà di essere attivi su questa problematica, ma a settembre inizia la scuola e i Comuni, stranamente, non hanno i fondi per un servizio “dovuto, garantito e indispensabile” per l’integrazione dei disabili e il diritto allo studio!

Ma i cittadini hanno dimenticato? Oppure non mettono in relazione le parole ascoltate con i fatti?!

Quali mancanze e disservizi  e perché? analizziamoli:

  • le Scuole prevedono già da Marzo, in Organico di Diritto, il numero di docenti per far fronte alle richieste di Sostegno, mentre a Luglio in Organico di Fatto, prendono atto del numero “concesso”! per cui hanno 2 mesi per organizzarsi e garantire un minimo di ore a tutti gli aventi “diritto”. Se non chè, con le nuove riforme scolastiche, si è creato il caos per cui le nomine avvengono con criteri poco uniformi, si protraggono ad attività didattiche già iniziate, con la conseguenza che a settembre ancora non tutti i docenti di sostegno sono stati assegnati o non possono essere garantite le “cattedre“ complete appunto perché quelle concesse non sempre coincidono con le richieste delle scuole, la motivazione? Un mantra: “bisogna risparmiare”! per cui i disabili diventano “numeri” mentre per le scuole rimangono “situazioni” da gestire ;
  • Per gli alunni particolarmente gravi (L.104 a.3 c-3) che hanno diritto all’ Assistenza Igienico-Personale e/o Assistenza alla Comunicazione, tramite le Scuole viene inoltrata ai Comuni la richiesta del Servizio già dal mese di Luglio, in questi mesi i Comuni, si presume, indìcano gare per designare le Cooperative di Assistenza che si occuperanno del Servizio con l’inizio delle attività scolastiche …. Sempre che da parte dei politici di turno non siano state fatte sbrigative riforme per diminuire il debito pubblico o non si siano rinnovate le amministrazioni Comunali e allora l’iter consolidato negli anni và a farsi benedire in nome di una millantata “trasparenza” o “furberia sprecona” della P.A. !

A tal proposito in alternativa ai disagi, si avanza la pretesa di far espletare tale assistenza al personale ATA (per intenderci: Collaboratori Scolastici, ex bidelli) dimenticando che non ne avrebbero il titolo professionale, ma principalmente perchè nei pregressi accorpamenti imposti alle Scuole, tale personale è stato drasticamente decurtato di unità, per cui le scuole riescono a stento a garantirne la turnazione con gravi ripercussioni sia sulla sicurezza che sui diritti contrattuali! Oppure, ancora peggio, si presume di garantire un minimo di assistenza agli alunni che già frequentavano la scuola e mettere a sorteggio le ore residue per i “nuovi” alunni!

  • L’Assistenza alla Comunicazione Sensoriale (principalmente non vedenti e non udenti) essendo più specifica e complessa, viene garantita dalle “Province” …. che però in Sicilia non esistono più!

Le “città Metropolitane”, grazie all’ingerenza (incostituzionale*) del Governo italiano, non hanno potuto eleggere i loro rappresentanti e tutt’oggi ci ritroviamo con servizi gestiti con dubbia autonomia, che riescono a far fronte solo al minimo indispensabile (grazie alla comprensione degli addetti ai lavori), e senza la sicurezza che i fondi riescano a coprire le necessità fino alla fine dell’anno scolastico!

*(incostituzionale) in quanto non è competenza del Governo italiano modificare articoli dello Statuto, ma della Corte Costituzionale, dal momento che nel 1956 la funzione di garanzia dell’Alta Corte è stata assorbita da questa.

  • I Sussidi per alunni portatori di handicap quelli sì diventano indispensabili quando gli edifici scolastici risalgono al ventennio fascista comprensivo di barriere architettoniche ormai storiche!

 

 “Ci colpa Crocetta” …. no, non è una battuta, non è affatto il momento di fare battute autoironiche come siamo soliti fare i Siciliani! E’ solo un bandolo della matassa ingarbugliata! Quando Crocetta rinunciò al Contenzioso con lo Stato italiano nel 2015, in sostanza rinunciò a fondi che avrebbero dato respiro alle Province e ai Comuni per garantire i servizi ai cittadini, ma non potendo unilateralmente decidere, tale rinuncia fu ratificata dal Parlamento Siciliano con una mossa ipocrita “anche dei m5s”, infatti non ha alcuna utilità, sapendo di essere in minoranza, far raggiungere il numero legale della seduta per poi abbandonare l’aula al momento di esprimerne il voto. E così la rinuncia al Contenzioso (5 miliardi) fu ratificato in barba alla sentenza della Corte Costituzionale!

“Ci colpa Musumeci”, anche lui a gennaio 2018 delegò un assessore che firmò a favore della rinuncia di ulteriori fondi. http://www.sicilianiliberi.org/index.php/news/403-abbiamo-avuto-la-conferma-musumeci-ha-votato-si-in-cdm-alla-decurtazione-di-800-milioni-l-anno-alla-sicilia-bell-inizio

Ci colpano Renzi e Gentiloni” col taglio ai Fondi Disabili, certo il “Dopo di noi” adesso è legge, ma il “durante noi” non esiste !….    https://www.ilfattoquotidiano.it/2016/06/14/disabili-ddl-dopo-di-noi-per-aiuti-famiglie-e-legge-pd-giorno-storico-m5s-contrari-testo-farlocco/2829480/

Cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia: Il Mondo Economico (o lo Stato Italiano, o chi lo gestisce pro tempore) non rinuncerà mai alla sua operazione matematica fondamentale!

       Noi Siciliani non siamo esenti da colpe! Rinunciando alla rivendicazione e all’attuazione dello Statuto Siciliano, abbiamo delegato la salvaguardia dei nostri diritti a chi ha altri interessi che non sono i nostri, abbiamo delegato a chi ha una tessera di partito italiano in tasca e quindi non è libero di decidere, abbiamo delegato a chi ha messo a tacere la propria coscienza e quindi non la sente più gridare ciò che è giusto fare per la propria Terra! ABBIAMO DELEGATO GLI ASCARI!

SIAMO NOI QUEI FATTORI, I CITTADINI SICILIANI CHE POSSIAMO FARE LA DIFFERENZA, CAMBIAMO OPERAZIONE!

SALVIAMOCI, SALVIAMO LA SICILIA!

Testimonianze:

Un Dirigente Scolastico

SCUOLE-DIRITTI-DOVERI-DISABILI-SUSSIDIARIETA´ PERSONE e PUNTI DI VISTA

https://www.facebook.com/notes/alfina-bert%C3%A8-scuola/scuole-diritti-doveri-disabili-sussidiarieta-persone-e-punti-di-vista/1994864154137010/

Genitori di Acireale

https://www.facebook.com/EtnaEspressoChannel/videos/1777182519003970/

Genitori di Fiumefreddo

https://www.facebook.com/caterina.sabella/videos/10215121489264212/UzpfSTEzNTIyNjgwODU6MTAyMTc0MjI1MjE1Nzg5NTI/

Petizione

GIÙ LE MANI DAL GLHO! GIÙ LE MANI DAL PEI!https://www.change.org/p/marco-bussetti-ministro-dell-istruzione-gi%C3%B9-le-mani-dal-glho-gi%C3%B9-le-mani-dal-pei-bussetti-marco-mariopittoni-luigigallo15

Un commento

  1. ecosicilia ha detto:

    https://osservatoriodirittiscuola.it/disabili-costretti-a-ricorrere-dallo-stato.html

    Una utente segnala questo link per approfondire, lo trovo molto interessante!

I commenti sono chiusi.