Barack Obama e le feste per il cagnolino Matteo Renzi

L’Italia di Renzi accolta con tutti gli onori alla Casa Bianca, ma a rimanerci offesa è la democrazia italiana

L’esprimere un sincero patriottismo da italiani in America non ci rende immuni dal restare sbalorditi per alcune dichiarazioni del presidente Barack Obama durante la visita del premier Matteo Renzi alla Casa Bianca. Riguardo al voto sul Referendum costituzionale e soprattutto all’eventuale stabilità del governo anche se dovesse arrivare una secca sconfitta.

[di Stefano Vaccara]

Bene, evviva la trasparenza. Ma quando perdendo ogni forma di etichetta diplomatica, Obama suggerisce che Renzi debba restare a Palazzo Chigi anche in caso di sconfitta, ecco che qui manca di rispetto sopratutto agli italiani e alla loro democrazia. Come sa bene la Casa Bianca, l’attuale presidente del Consiglio è l’ultimo di una lunga serie di capi di Governo italiani che si sono insediati al potere più per manovre di Palazzo che per aver vinto le elezioni nazionali. Vero, la costituzione italiana lo consente, ma la sostanza politica e democratica pretende anche la verifica delle urne. E’ ovvio pure per Renzi che questo referendum, da lui così voluto in questi termini tanto che lo aveva spinto a dichiarare che avrebbe abbandonato l’incarico di Governo e la politica se lo avesse perso, non sarà più soltanto sulle riforme ma proprio un voto di fiducia del popolo italiano sulle sue capacità di essere il leader del momento per guidare l’Italia. Se ne è pentito dopo aver guardato gli ultimi sondaggi sul referendum? Il tempo è scaduto per certi ripensamenti.

Obama, durante l’incontro con Renzi, ha sciorinato in italiano un famoso detto: “Patti chiari amicizia lunga”. Molto bene presidente. Però ci sembra che quello che ha suggerito, che pur perdendo il referendum, non cambi nulla per Renzi, sia il pretendere per l’Italia “la botte piena e la moglie ubriaca”. Conosce questo detto presidente?

Articolo completo:

http://www.lavocedinewyork.com/news/primo-piano/2016/10/19/barack-obama-e-le-feste-per-il-cagnolino-matteo-renzi/