Le ragioni del SI al referendum

Andiamo a votare SI per dire NO alle trivelle.

LE RAGIONI DEL  #NO Triv
La logica e la ragione secondo scienza, conoscenza e coscienza.
Il consumo di petrolio è l’equivalente di 10 miliardi di tonnellate di petrolio l’anno mentre il sole ci invia gratuitamente l’energia equivalente di 5.500 miliardi di tonnellate di petrolio solo sulle aree desertiche del pianeta e basterebbe intercettarne il 2% del totale per avere l’equivalente energia ottenibile dai combustibili fossili e a quel punto magari potremo vedere l’uomo creare pozzi d’acqua invece che di petrolio e le popolazioni coltivarsi la propria terra senza dover emigrare senza più ne guerre, fame e carestia.
Stiamo distruggendo il mondo per i combustibili fossili facendo guerre e affamando popoli per assoggettarli al volere delle lobby per la depredazione delle risorse.
Solare (fotovoltaico e foto-termodinamico)
Eolico (Vento)
Acqua (mare e fiumi)
Geotermica (Energia del sottosuolo)
Agricoltura (Biomasse)
L’insostenibilità del sistema economico liberista, le catastrofi ambientali caratterizzate da fenomeni estremi meteorologici e gli ultimi appelli di tutti gli organi internazionali vanno in questa direzione che è la pratica della decrescita e dell’attivazione di tutte le tecnologie esistenti per la creazione di energia a partire dalle fonti “non fossili” e quindi eco-compatibili.
La cosi detta “Green economy” e riconversione ambientale tanto decantata da decenni mai presa totalmente a regime nel nostro paese va quindi fortemente sostenuta.
La sostenibilità non è altro che operare in coerenza con le leggi di Natura, ed è follia pensare di poter perseguire modelli di sviluppo socio-economico che non ne tengano conto o addirittura siano in conflitto con esse.
Fra queste leggi sono di grande rilevanza ed impatto sociale le leggi di conservazione e mantenimento del nostro pianeta oltre che dell’Energia e della Massa (le risorse naturali).
La battaglia contro le trivelle in fondo è battaglia di civiltà dove si tende a controllare l’energia da parte delle lobbies e proprio quello sarà l’azione principale.
Tenete in conto che detenere l’energia significa detenere il potere economico e tenere tutti succubi come in schiavitù
In sintesi dobbiamo tutti pretendere di poter creare l’energia in maniera privata per uscire dalla schiavitù energetica.
Liberalizzare l’energia e renderla accessibile a tutti senza monopoli.

17Aprile2016-StopTrivelle-IoVotoSi_1024x1024
U mari nun si spirtusa.