Natale sostenibile, gli eco consigli delle Feste

Basta qualche utile consiglio per descrivere un decalogo natalizio verde e rispettare il pianeta. Fare un dono anche all’ambiente è una questione di sensibilità

di Elena Bittante

A Natale siamo tutti più buoni, anche nei confronti della natura. L’ecologia nel periodo delle Feste non va in vacanza e dispensa suggerimenti pratici per fronteggiare il consumismo di massa che in questo periodo dell’anno diventa virale.

Natale sostenibile – Rispetto e attenzione sono il regalo perfetto per la Terra. Non servono grandi cose e drastiche decisioni ma piccoli accorgimenti, sfumature di verde che propongono idee per la casa e i decori, per la cucina e i regali, tutti con il minimo impatto sulla natura. Scopriamo i consigli utili per un eco Natale.

Eco decalogo natalizio, le decorazioni – Gli addobbi sono indispensabili per far brillare di luce e di riflessi l’atmosfera delle Feste. Scegliete i circuiti luminosi a basso consumo energetico, lampade fluorescenti compatte (A+ o A++) oppure la tecnologia LED, per un impatto più sostenibile. Regolate il timer per programmare l’accensione e minimizzare l’utilizzo senza sprechi inutili, dispensare il piacere dei giochi luminosi diventerà un’aspettativa. Un’alternativa naturale per un ambiente salubre e suggestivo sono le candele a base di soia. Bianche, rosse o colorate per un Natale stravagante non sviluppano fumi nocivi grazie all’assenza di paraffina. Nessuna rinuncia al verde domestico e alla tradizione con la classica Stella di Natale e l’agrifoglio. Per il vostro albero, prediligete un abete naturale alla falsa copia artificiale, prestando le dovute attenzioni al protagonista delle Feste.

Eco decalogo natalizio, in cucina – Non mancano l’entusiasmo e la frenesia durante i preparativi per i pranzi e cenoni delle Feste. Perché non associare anche una “buona ragione” per la nostra salute e per quella dell’ambiente? Il nostro Paese vanta un’enogastronomia unica al mondo e un’incredibile varietà di ecosistemi con una produzione agricola ricchissima, anche nel periodo invernale. Scegliere e incentivare i prodotti nazionali e il km zero è sinonimo di gusto e intelligenza. A Natale la tradizione del pesce è consuetudine, optate per il pescato locale evitando merluzzo, gamberi, tonno e pesce spada. I dolci e colore degli agrumi e della frutta di stagione concludono il banchetto in allegria. Scegliete panettoni o pandori lievito naturale e fate attenzione al miele: la pasticceria natalizia contiene spesso questo ingrediente, prediligete quello biologico italiano. E la tavola? E’ possibile impreziosirla e curare il dettaglio con tovaglie dal tessuto naturale e la carta riciclata molto più virtuosa e raffinata dei prodotti in plastica usa e getta.

Eco-decalogo natalizio, i regali – La caccia dei doni è spesso un tour de force, soprattutto se sbrigativa e dell’ultimo minuto. La soluzione giusta? Relax. Lasciate l’auto in garage e temprate il vostro fisico in bicicletta sfidando l’inverno. L’acquisto del regali quest’anno rientra nel programma fitness pre cenoni, una scusa valida per giustificare i succulenti banchetti che vi aspettano e un’ottima soluzione per svincolarsi dalla dall’isteria del traffico e della “roulette parcheggio”. I mezzi pubblici o i trasporti condivisi come il car sharing e car pooling sono l’alternativa alla bici in caso di bufera di neve o mancanza di vocazione sportiva. I regali si fanno green con imballaggio e biglietti di auguri in carta riciclata, per un messaggio di sostenibilità. E il contenuto? Le idee sono tante, per esempio gli abiti o i prodotti in cotone biologico e la sorpresa diventa eco. Bastano piccole attenzioni per rendere “verde” la magia delle vostre Feste, per una tradizione di sostenibilità votata al futuro.

Fonte: [Natale sostenibile, gli eco consigli delle Feste – CNO-Webtv Notizie]